domenica 12 dicembre 2010

Una Biblioteca NUOVA

Come si fa a progettare una biblioteca in cui i libri stampati non sono più la sua essenza e la sua missione principale?

Sull'articolo Una biblioteca progettata per l'era post-stampa , si legge che 

presso l'Università di Amsterdam, (il cui motto moderno è Intelligence seldom comes alone)

gli olandesi Roelof Mulder e Koers Ira, sono stati premiati dalla Dutch Design Awards,

per il loro progetto che ha convertito 9.396 m² di biblioteca esistente in un'enorme sala di studio - senza che vi sia alcun libro visibile (!?!) - per poter accogliere dai 1.500 ai 2.000 studenti, visitatori quotidiani della biblioteca

Il luogo è disseminato di aree di lavoro e al posto dei banchi di prestito ha invece un ambiente particolare: la "Red Room", ovvero uno spazio riempito con più di 100 cassette di plastica rossa, dove gli studenti possono ritirare i libri che hanno chiesto online. 
(La collezione fisica dei libri e delle riviste dell'Università rimane chiusa in vari archivi e depositi)

Le biblioteche sono costose nella loro gestione e dunque, poiché i libri sono sempre più disponibili in forma digitale il numero di libri cartacei si riduce, questa nuova biblioteca sposta tutta l'attenzione sull'Utente piuttosto che tenerla sul Libro, come è sempre stato finora.

Molto interessante anche la pagina web di questa Biblioteca con spiegazioni perfette. 
Accanto al catalogo c'è anche il motore di ricerca Google Scholar.


Il futuro è già qui.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.