mercoledì 22 settembre 2010

Meravigliosa. Meravigliosa lentezza.

L'interpretazione più lunga dell'Adagietto della Sinfonia N.5 di Gustav Mahler, diretta dal grandissimo Hermann Scherchenpiù di quattordici minuti contro gli otto degli altri direttori...


Commozione infinita...


...Un'improvviso squarcio nel velo del tempo steso sui ricordi: rivedo sua figlia Esther, mia compagna di scuola, così alta, bellissima, biondissima e diafana, assolutamente speciale... 
Solo oggi capisco il suo sguardo chiaro, quegli occhi cerchiati di rosso, il tremito del viso sensibilissimo: la perdita del suo papà...
Lei e i famigliari lasciarono Gravesano e non la vidi mai più...






Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.