venerdì 6 novembre 2009

Fine della carta stampata?



Coscienza ecologica apparentemente volgare, ma invece stilé:


"Se certi individui fossero consapevoli di quanti alberi devono venir abbattuti per ottenere la carta che occorre per stampare le copie di un libro, probabilmente rinuncerebbero a scrivere le proprie cavolate!"
Così "filosofeggiava" un mio amico, zappando con rabbia i suoi orti.
Egli amava egualmente libri ed alberi.
Ma si diceva dispiaciuto da sempre che per avere gli uni si dovesse sacrificare gli altri.
Come dire: ahi! la Cultura al prezzo della Natura...
Ammettendo che quest'idea avesse un fondo di verità, oggi, dopo aver visto le immagini di QUE, non ho potuto che rallegrarmi per tutti quegli alberi che prossimamente NON verranno abbattuti in futuro, in un futuro in cui si però si potrà comunque continuare a leggere!
Tre giorni fa ho postato NOOK, dicendo "Che bello, ecco qui un device (it.dispositivo, congegno) con cui potremo leggere il nostro e-libro preferito anche a letto senza rinunciare per nulla alla comodità!".
Ma il povero NOOK scompare di fronte ad un e-reader come QUE !
Per arrivare a creare QUE ci sono voluti 10 anni e la sua innovazione non consiste solo in quella che possiamo osservare superficialmente, ma anche in quello che potrebbe essere un passaggio cruciale nella storia dell'hardware: il passaggio dal microchip di silicio a quello in plastica!!! si parla di nanosfere... di nanotecnologia! E qui mi fermo.
(Chi volesse leggere qualcosa di più (in italiano) può dare un'occhiata qui: http://magazine.liquida.it/2009/09/22/plastic-logic-il-quotidiano-elettronico-del-futuro/)

QUE misura 21,59 x 27,94 cm, è spesso meno di 1 cm e pesa solo 368 g, e supporta i maggiori e più diffusi formati digitali come Word, Pdf, Excel, Cad etc.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.